Bambino Gesù, roma, IRCCS, pediatria, aorta, esofano, batteria killer, luigi dall'oglio, corpo estraneo, ingerire
Una pila a bottone era finita a soli 3 millimetri dall’aorta provocando gravi ustioni all’esofago

Bambino Gesù: batterie killer, salvo un bimbo di 4 anni




Roma, 2 Agosto 2018

Aveva ingerito una disk battery, una pila a bottone di uso comune nei videogiochi e in altri dispositivi, senza che i genitori se ne accorgessero. Per questo motivo il piccolo D., quasi 4 anni, ha cominciato manifestare forti dolori addominali che hanno costretto mamma e papà a portarlo al pronto soccorso. Invisibile all’esame ecografico e ad altri tipi di indagini, sono stati i medici dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù a scoprire la presenza della batteria nell’esofago grazie a una radiografia addominale, effettuata a causa del persistere dei sintomi. E quella batteria, nel corpo del bambino probabilmente già da alcuni giorni, aveva sprigionato la sua carica elettrica bruciando i tessuti e mettendone a rischio la vita.

Individuata l’origine del malessere, sono state immediatamente attivate le procedure di emergenza previste dal protocollo nazionale ed europeo per questo tipo di eventi. Si tratta delle linee guida SIGENP ed ESPGHAN-ESGE, alla cui stesura hanno partecipato anche gli esperti di Chirurgia Endoscopica Digestiva del Bambino Gesù. Quindi è stata organizzata una équipe multidisciplinare per rimuovere l’oggetto estraneo in condizioni di massima sicurezza.  

«Le batterie di questo tipo sono dette “killer” perché le lesioni che provocano possono essere talmente gravi da causare la morte. Possono generare fistole (fori; canali di comunicazione) tra l'esofago e la trachea o tra l’esofago e le arterie toraciche, dando origine ad emorragie gravissime. E nel caso del nostro piccolo paziente la pila a bottone si trovava a soli 3 millimetri dall’aorta» spiega Luigi Dall’Oglio, responsabile di Chirurgia Endoscopica Digestiva del Bambino Gesù. «La semplice rimozione endoscopica “improvvisata”, perché dettata dall’urgenza, può essere motivo di una perdita di sangue irrefrenabile e potenzialmente mortale. In situazioni del genere è sicuramente necessaria la tempestività, ma bisogna agire attivando ogni possibile sistema di protezione e senza lasciare nulla al caso».

Proprio per far fronte a questa evenienza, lo scorso 14 luglio, a poco più di un’ora dalla diagnosi, gli anestesisti, i chirurghi endoscopici digestivi, i cardiochirurghi, il radiologo e gli infermieri di sala, erano pronti ad affrontare la situazione e le eventuali complicazioni.

La batteria aveva causato gravi ustioni all’esofago e prima di procedere con l’estrazione del corpo estraneo sono state effettuate alcune manovre per verificare la presenza del temuto canale di comunicazione con l’arteria aorta. L’intervento di rimozione per via endoscopica si è concluso senza problemi e il team multidisciplinare non è dovuto ricorrere a nessuna delle misure straordinarie predisposte per gestire un caso clinico così complesso. I successivi esami diagnostici hanno confermato l'assenza di sanguinamenti o di altre complicanze. Il piccolo paziente ha lasciato il reparto di rianimazione ed è in buone condizioni generali. Considerata la possibile insorgenza di emorragie anche a distanza di alcuni giorni, il bambino è rimasto in Ospedale, sotto osservazione, per due ulteriori settimane.

Da gennaio 2017 ad oggi al pronto soccorso dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù sono giunti più di 500 bambini che avevano ingerito un corpo estraneo, la maggior parte dei quali, fortunatamente, sono stati espulsi per le vie naturali. Nello stesso periodo sono stati eseguiti oltre 90 interventi di estrazione endoscopicadegli oggetti ingeriti accidentalmente dai più piccoli. Si tratta delle cose più disparate: monete, spille da balia, chiodi, viti, ami da pesca, pezzi di plastica, ciondoli, bottoni. Tra i più pericolosi, magneti e batterie, in grado di perforare e ustionare i tessuti interni con conseguenze anche letali. L’ingestione delle batterie rappresenta il 15% dei casi. «Solo in 4 pazienti la disk battery si era fermata nell’esofago - racconta il dott. Dall’Oglionegli altri casi, per fortuna, era transitata spontaneamente lungo tutto l’intestino senza creare danni, per essere espulsa nel vasino o trovata nel pannolino con un sospiro di sollievo per tutti».

 

COSA FARE IN CASO DI INGESTIONE DI UN CORPO ESTRANEO

L'ingestione di un corpo estraneo è il passaggio di un oggetto indesiderato nelle vie digestive (esofago, stomaco, intestino).

 

COME FARE PREVENZIONE?

Sebbene sia impossibile controllare ogni azione dei bambini, è fondamentale evitare di lasciare alla loro portata oggetti "appetibili" ma potenzialmente pericolosi.
Nella maggior parte dei casi, l'ingestione di un corpo estraneo può avvenire senza una manifestazione clinica. Talora possono essere presenti dolore alla deglutizione con salivazione abbondante e rifiuto dell'alimentazione, dolore toracico o addominale.
Se presenti disturbi respiratori, escludere sempre la possibilità di un'inalazione.
 

COSA NON FARE

Indurre il vomito e cercare di rimuovere l'oggetto con pacche dorsali o inserendo le dita nel cavo orale del bambino: si rischia di indurre il passaggio dell'oggetto dalle vie alimentari a quelle respiratorie, evenienza molto più grave.
 

COSA FARE

Il bambino deve sempre essere portato in Pronto Soccorso se è presente sintomatologia e se è stato ingerito (o anche nel solo sospetto d'ingestione) uno dei seguenti oggetti:

• batterie a bottone;
• più di un oggetto magnetico o di un magnete e di oggetti metallici;
• oggetti taglienti e appuntiti;
• bolo alimentare;
• oggetti smussi di grandi dimensioni;
• in tutti i casi dubbi sulla tipologia dell'oggetto ingerito.

src="http://pagead2.googlesyndication.com/pagead/show_ads.js">



bambino gesù, irccs, pediatria, cardiologia, reumatologia, malformazione cardiaca, gemelline siamesi, dottori in corsia, rai3, simona ercolani, stand by me, rai fiction, docufilm, Domenica 25 novembre in seconda serata, in replica ogni venerdì alle 15.20 su Rai 3
Bambino Gesù: Dottori in corsia, quarta puntata domenica 25 Novembre
Leggi l'articolo
dottori in corsia, irccs, bambino gesù, pediatria, cardiologia, nefrologia, cuore, reni, trapianto, docufilm, stand by me, simona ercolano, rai fiction, Domenica 18 novembre alle 23,20. In replica ogni venerdì alle 15,20 su Rai3
Bambino Gesù: terza puntata di 'Dottori in corsia' domenica 18 Novembre
Leggi l'articolo
sebastiano cacciaguerra, garibaldi nesima, catania, chirurgia pediatrica, pediatria, arnas, associazione fate, atresia dell'esofago, famiglie con atresia esofagea, giorgio santonocito, maurizio indovino, giuseppe ettore, antonino tedeschi, lucia aite, pas Domani 27 ottobre, ore 14.00, incontro regionale dell’associazione F.AT.E.
Medici e famiglie uniti a sostegno dei bimbi con malformazioni all'esofago al Garibaldi di Catania
Leggi l'articolo
IRCCS, bambino gesù, roma, asl 1, pediatria, mariella enoc, angelo tanese, renato botti, ruggero parrotto, massimiliano raponi, mauro goletti Percorsi di cura e assistenza sanitaria integrata per i bambini e gli adolescenti di Roma
Accordo ASL Roma 1 - Bambino Gesù: percorsi di cura integrati per i piccoli pazienti
Leggi l'articolo






Tg, medical news, notizie, salute, ictus, farmaco, astro tac, bambino gesù, Mauro Colajacomo, carie, denti, 3 D, yoga, concepimento, obesità, Medical News, il Tg della Salute del 23 ottobre 2015
Bambino Gesù: arriva l'Astro Tac per gli esami pediatrici
Tg, notizie, salute, medicalnews, medicalexcellencetv, allergie, lavaggio del sangue, bambino gesù,  test, sangue, infarto, trapianto, ovaie, fumare, farmaco, vareniclina, Medical News, il Tg della Salute del 9 ottobre 2015
Allergie alimentari: al Bambino Gesù intervento innovativo di lavaggio del sangue









   Giovedì 02 agosto 2018