Ortopedia, 3D, fratture, calchi, intervento, Ospedale di Borgo Trento, Bruno Magnan
Metodo innovativo in uso all’ospedale di Borgo Trento

Ortopedia, le fratture si studiano in 3D per ottimizzare l’intervento




equipe_magnano_400_02Nuovi scenari si aprono alla medicina grazie all'uso delle stampanti 3D. E se negli Stati Uniti in particolare si guarda alla stampa di tessuti, con l'obiettivo, per ora ancora futuribile, di attivare a stampare organi veri e propri, a Verona si è partiti, primi in Italia, con la stampa di calchi di arti, in particolare delle ossa del piede, rendendo tridimensionali, e quindi fisicamente ricostruite, le Tac dei pazienti grazie alla nuova tecnologia di stampa 3D. In questo modo si può studiare la frattura nei suoi dettagli reali, scegliendo anche il migliore approccio chirurgico.

L'innovativo metodo è già in uso all'ospedale di Borgo Trento, grazie a un team di giovani specializzandi guidati dal direttore della Clinica ortopedica traumatologica dell'università di Verona, Bruno Magnan, utilizzando le potenzialità della Tac ad alta definizione presente al Polo Confortini e la stampante 3D messa a disposizione gratuitamente da un ricercatore esterno. I costi di questa procedura sono ancora piuttosto elevati infatti, ma questa nuova tecnica consentirà in futuro di ottimizzare gli interventi chirurgici.  «Lo studio è iniziato qualche mese fa e da circa due settimane abbiamo i primi calchi», spiega Nicola Bizzotto, uno dei giovani specializzandi del team di Magnan, «per la stampa in 3D ci vogliono alcune ore ma poi abbiamo a disposizione una riproduzione perfetta della lesione del paziente. In questo modo possiamo studiare meglio la frattura, vedendola esattamente in tre dimensioni, comunicare meglio con il paziente e preparare il modo ottimale di intervenire. Si tratta di fratture purtroppo frequenti e spesso complesse, in particolare stiamo sfruttando la stampa dei calchi per fratture del calcagno, del ginocchio e della mano. In sala operatoria si usano tecniche mini invasive, quindi questi modellini sono utilissimi per scegliere il modo di intervenire più appropriato».

Nelle mani dell'equipe del professor Magnan passano ogni anno duemila pazienti. Quindi si parla di un numero di circa 500 pazienti che potranno giovarsi di questa innovazione. Al momento infatti non esistono in letteratura scientifica altri esempi di applicazione della tecnica di stampa 3D di calchi degli arti a questo scopo. In Kentucky è recente la realizzazione 3D di un modello di cuore del tutto simile a quello di un paziente da operare, ma grande il doppio, che ha permesso di trovare la via più efficace per realizzare l'intervento. Un'applicazione simile a quella scelta dall'equipe veronese, che per prima ha scelto di sfruttare le nuove tecnologie in campo ortopedico. «Stiamo iniziando anche le prime simulazioni chirurgiche sui modellini, per provare anche le manovre da poi riportare in sala operatoria», prosegue Bizzotto, «considerando che per la stampa ci vogliono circa 10 ore, l'obiettivo per il futuro è quello di essere già pronti per l'intervento a poche ore di distanza dalla Tac. L'applicazione di questa tecnica sarà quindi un vantaggio sia per i medici, che per i pazienti».

 Fonte: L’Arena.it

src="http://pagead2.googlesyndication.com/pagead/show_ads.js">



ossa, stampante 3D, Bologna, Rizzoli, protesi, ragazzi, bioprinting, Italian Digital Biomanufacturing Network, Progettate su misura per 5 ragazzi
Bologna, impiantate per la prima volta protesi ossee da stampante 3D
Leggi l'articolo
rene, cancro, 3D, tumore, neoplasia, Kobe University, urologia La nuova tecnica consente maggiore precisione
Rene in 3D per simulare l'operazione chirurgica contro il cancro
Leggi l'articolo
esoscheletro, 3D, stampante, paraplegica, camminare, gambe, arti, inferiori, supporto, Il supporto è stato realizzato dall’azienda statunitense 3D Systems e dalla Ekso Bioni
Paraplegica torna a camminare grazie ad esoscheletro esterno creato con stampanti 3D
Leggi l'articolo
ortopedia, sloto, chirurgia, anca, ginocchio, maggi, marelli, traumatologia, randelli, d'imporzano Si apre il 15° congresso S.L.O.T.O. a Milano
Ortopedici lombardi a confronto su chirurgia dell'anca e del ginocchio
Leggi l'articolo






tg, medical news, salute, notizie, sanità, ricerca, cancro, infarto, diabete, alimentazione, benessere Il Tg della salute del 5 maggio 2014
Medical News, la luce del mattino aiuta a dimagrire
cervicale, colonna vertebrale, tullio claudio russo, scoliosi, ernia al disco, chirurgia minimamente invasiva, mal di schiena, collo, vittoria Parla Tullio Claudio Russo, specialista nelle patologie della colonna vertebrale
Vittoria, l'attività dell'unità operativa di ortopedia dell'ospedale Guzzardi









   Sabato 03 maggio 2014