Ictus, alice italia onlus, neurologia, valeria caso, stroke unit
Questi gli obiettivi del Piano di Azione europeo per l’ictus 2018-2030

Ridurre il numero degli Ictus in Europa e trattare i pazienti in una unita’ neurovascolare




Ridurre il numero degli Ictus in Europa del 10% e trattare oltre il 90% dei pazienti in una unita’ neurovascolare come primo livello di cura.

Oltre 4.500 tra medici e infermieri da oltre 85 Paesi hanno partecipato alla Conferenza dell’European Stroke Organization.


Roma, 16 luglio 2018

Prevenzione primaria, organizzazione dei servizi dell’ictus, gestione dell’ictus acuto, prevenzione secondaria con follow up organizzato, riabilitazione, valutazione degli esiti e della qualità dei servizi, la vita dopo l’ictus: questi i 7 campi che sono stati individuati dall’European Stroke Organization (ESO) e che sono stati inseriti nel Piano di Azione per l’Ictus in Europa 2018-2030.

La Conferenza dell’ESO, presieduta dalla Professoressa Valeria Caso, neurologa presso la Stroke Unit dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia e Presidente uscente della Società Scientifica Europea ha visto la partecipazione di oltre 4.500 tra medici ed infermieri provenienti da più di 85 Paesi di tutti i continenti.

Obiettivi ambiziosi del Piano di Azione, comuni a tutti i campi individuati, sono la riduzione del numero assoluto degli ictus in Europa di ben il 10%, il trattamento di almeno il 90% dei pazienti colpiti da ictus in Europa in una Unità Neurovascolare (Stroke Unit) come primo livello di cura, la creazione di piani nazionali specifici che comprendano tutto il percorso che va dalla prevenzione primaria fino alla vita dopo l’ictus e, infine, l’implementazione di strategie nazionali che promuovano e facilitino uno stile di vita sano e, nello stesso tempo, riducano i fattori ambientali, socio-economici ed educativi che aumentano il rischio di incorrere nella patologia.

7 i campi d’azione su cui lavorare al piano di implementazione che include uno studio epidemiologico dell’impatto dell’ictus in Europa e prevede, oltre al coinvolgimento delle società scientifiche, anche quello delle associazioni dei pazienti presenti in ciascuna delle nazioni che fanno parte della Stroke Alliance for Europe SAFE, con attivazione di registri di qualità ed inclusione degli organi governativi:

1.    Prevenzione primaria

2.    Organizzazione dei servizi dell’ictus

3.    Gestione dell’ictus acuto

4.    Prevenzione secondaria e follow-up organizzato

5.    Riabilitazione

6.    Valutazione degli esiti e della qualità dei servizi

7.    La vita dopo l’ictus.

C’è inoltre da osservare che il peso economico e sociale complessivo dell’ictus cerebrale aumenterà drammaticamente nei prossimi 20 anni a causa dell’invecchiamento della popolazione. Gli organi decisionali in Europa dovranno quindi individuare il modo migliore per combatterlo e rendere più facile la vita per coloro che sopravvivono e per le loro famiglie.

I dati raccolti nello studio Burden of Stroke – Impatto dell’Ictus in Europa (pubblicato nell’ottobre del 2017, con traduzione in lingua italiana a cura dell’associazione) indicano che entro il 2035 si verificherà complessivamente un aumento pari al 34% del numero totale degli eventi cerebrovascolari acuti nell’Unione Europea, passando dai 613.148 casi verificatisi nel 2015 agli 819.771 previsti nel 2035. Aumenterà anche il numero delle persone che dovrà convivere con le conseguenze di una patologia che diventa cronica: si passerà dai 3.718.785 del 2015 ai ben 4.631.050 previsti per il 2035, con un incremento del 25% pari circa a 1 milione di persone in Europa.

Il costo totale dell’ictus in Europa è stimato nel 2015 in 45 bilioni di euro ed è destinato ad aumentare, includendo sia i costi derivanti dall’assistenza sanitaria sia quelli indiretti a carico delle famiglie e delle società intera. È dunque fondamentale che nella pianificazione di queste strategie comuni contro l’ictus in Europa siano coinvolti, oltre ad i rappresentanti di tutte le professioni che seguono il percorso di cura dei pazienti, anche i caregiver, le persone che sono state colpite da ictus e le associazioni di volontariato di ciascun paese.

L’ictus cerebrale è una patologia grave e disabilitante che, nel nostro Paese, rappresenta la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie. Circa 150.000 italiani ne vengono colpiti ogni anno e la metà dei superstiti rimane con problemi di disabilità anche grave. In Italia, le persone sopravvissute, con esiti più o meno invalidanti, sono oggi circa 800.000, ma il fenomeno è in crescita sia perché si registra un invecchiamento progressivo della popolazione sia perché tra i giovani è in aumento l’abuso di alcool e droghe.

A.L.I.Ce. Italia Onlus è una Federazione di associazioni di volontariato senza scopo di lucro, diffuse su tutto il territorio nazionale, oltre 80 tra sedi e sezioni regionali e locali, le quali, pur autonome e indipendenti nelle proprie attività, collaborano al raggiungimento di comuni obiettivi statutari a livello nazionale, tra cui: diffondere l’informazione sulla curabilità della malattia, sul tempestivo riconoscimento dei primi sintomi e sulle condizioni che ne favoriscono l’insorgenza anche attraverso i media; sollecitare gli addetti alla programmazione sanitaria affinché provvedano ad istituire centri specializzati per la prevenzione, la diagnosi, la cura e la riabilitazione delle persone colpite da ictus e ad attuare progetti concreti di screening; tutelare il diritto dei pazienti ad avere su tutto il territorio nazionale livelli di assistenza, uniformi ed omogenei.

Loro peculiarità è quella di essere le uniche ad essere formate da persone colpite da ictus, dai loro familiari e caregiver, da neurologi e medici esperti nella diagnosi e trattamento dell'ictus, medici di famiglia, fisiatri, infermieri, terapisti della riabilitazione, personale socio-sanitario e volontari.

A.L.I.Ce. Italia è membro della WSO, World Stroke Organization e di SAFE, Stroke Alliance for Europe, organizzazioni che riuniscono le Associazioni di persone colpite da ictus a livello mondiale ed europeo, diffondendo linee guida per la prevenzione, la miglior cura e la riabilitazione dell’ictus, oltre che delle Società Scientifiche ISO, Italian Stroke Organization ed ESO, European Stroke Organization.

Nel 2016 A.L.I.Ce. Italia Onlus ha promosso la costituzione dell’Osservatorio Ictus Italia insieme all’Intergruppo Parlamentare sui Problemi Sociali dell’Ictus, ISO, ESO, ISS - Dipartimento Malattie Cardiovascolari, Dismetaboliche e dell’Invecchiamento dell’Istituto Superiore di Sanità e SIMG - Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie. L’Osservatorio opera per favorire una maggiore consapevolezza sulle problematiche legate all’ictus a livello istituzionale, sanitario-assistenziale, scientifico-accademico e sociale e si pone, come obiettivo condiviso, quello di far adottare in tutto il Paese criteri scientificamente basati e uniformi in materia di prevenzione e cura della patologia.

Nel mese di novembre 2017, grazie all’azione congiunta di A.L.I.Ce. Italia e dell’Intergruppo Parlamentare, la XII Commissione Affari Sociali della Camera, ha approvato la Risoluzione sulla diagnosi e la prevenzione dell’Ictus cerebrale: un documento di straordinaria rilevanza, declinato in 19 punti, che impegna il Governo Italiano sulla patologia, sottolineando il peso economico e sociale a carico non soltanto del Servizio Sanitario Nazionale, ma soprattutto delle famiglie.

A.L.I.Ce. Italia Onlus, in prima linea fin dall’inizio nel contribuire alla sua definizione, ha adesso il compito di stimolare e monitorare l'impegno dei servizi sanitari regionali nell'applicazione e nella rapida implementazione organizzativa delle misure specifiche.

L’Osservatorio Ictus Italia può e deve essere uno strumento utilissimo nel sostenere l’azione delle Istituzioni in questa direzione.

src="http://pagead2.googlesyndication.com/pagead/show_ads.js">



ictus cerebrale, neurologia, stroke unit, up again after stroke, alice italia onlus, giornata mondiale, nicoletta reale, fibrillazione atriale, riprenditi la vita, ministero della salute, medicina generale, sin, simg, iso, sno, società neurologi ospedalie L’ictus cerebrale colpisce ogni anno nel mondo circa 15 milioni di persone
Up Again After Stroke – Una vita dopo l’Ictus è possibile. XIV Giornata Mondiale 29 Ottobre 2018
Leggi l'articolo
bayer, food and administration, fda, rivaroxaban, infarto, ictus, arteriopatia periferica cronica, cardiovascolare, cardiologia, cuore, neurologia, farmaco, farmacologia, compass, L’approvazione è basata sui risultati dello studio di Fase III COMPASS
FDA approva il farmaco di Bayer rivaroxaban per pazienti con coronaropatia o arteriopatia periferica
Leggi l'articolo
Caltagirone, stroke unit, ASP Catania, Giuseppe Giammanco, neurologia, gravina, ruggero razza, militello, franz la greca Consolidata l’attività della Stroke Unit di I livello dell’UOC di Neurologia dell’Ospedale “Gravina”
Ospedale Gravina di Caltagirone. Ottimi risultati per la Stroke Unit di I livello
Leggi l'articolo
Alice Italia Onlus, ictus cerebrale, riprenditi la vita, neurologia, nicoletta reale, Tour di sensibilizzazione: screening gratuiti e arte in 10 città italiane
Ictus cerebrale e fibrillazione atriale: al via la terza edizione di Riprenditi la Vita
Leggi l'articolo






bonino pulejo,irccs,salute,disabilità,sicilia,messina,robotica,cardiologia,innovazione,neurologia,ictus Il centro neurolesi IRCCS Bonino Pulejo eccellenza italiana
la stroke unit del Bonino Pulejo
Tg, medical news, salute, notizie, sindrome da stanchezza cronica, malattie del cuore, qualità dei servizi, papilloma virus, fungo giapponese, Ahcc, Giornata mondiale dell'ictus, donne, Roma, policlinico Umberto I, Giuseppe Pozzessere, San Camillo Il Tg della Salute del 3 novembre 2014
Medical News, celebrata a Roma la Giornata mondiale dell'ictus









   Lunedì 16 luglio 2018