disturbo della massaia, bacino, cellule staminali, ospedale san camillo, roma, spalla
Una casalinga su tre è afflitta da questo disturbo

Salute, la spalla dolorante si cura con le staminali del bacino




dolori-articolari_400E' anche detto il 'disturbo delle massaie' perche' colpisce, secondo le stime degli esperti, circa un'italiana su 3, soprattutto le casalinghe e le lavoratrici manuali: e' la 'spalla dolorante', a seguito dell'usura o lesione dei tendini causate principalmente dalla ripetitivita' dei movimenti e dal frequente sollevamento di pesi a carico di braccio e spalla. Oggi, grazie alle cellule staminali prelevate dal bacino, si puo' pero' 'riparare' la spalla compromessa, evitando tecniche piu' invasive o le protesi.

A fare il punto su questa tecnica medica all'avanguardia, gli ortopedici riuniti a Roma all'Ospedale San Camillo-Forlanini in occasione del convegno 'Artroscopia e medicina rigenerativa: nuove prospettive'.

Un'italiana su tre dai 40 ai 65 anni e' dunque affetta da dolore alla spalla: il 60% di queste donne, avvertono gli ortopedici, trascura il disturbo, che si aggrava piu' o meno velocemente determinando un serio danno all'area della spalla denominata cuffia dei rotatori. Per questo tipo di lesioni ad uno o piu' dei quattro tendini della cuffia dei rotatori, oggi la medicina rigenerativa sta pero' facendo moltissimo.

Cosi', grazie al concentrato midollare prelevato dalle ossa del bacino del paziente, si puo' rigenerare uno dei tendini rotti. Una frontiera, quella della medicina rigenerativa, che sta dando risultati sorprendenti anche nei casi di danni alla cartilagine del ginocchio, disturbo che colpisce moltissimi sportivi.


Ma in cosa consiste l'innovativo intervento? Il midollo osseo che contiene le cellule viene prelevato al momento dell'operazione e il concentrato di cellule realizzato viene poi assorbito da un supporto biocompatibile che puo' essere impiantato sul difetto tissutale. Le cellule mesenchimali in esso contenute si replicheranno, colonizzando il tessuto nella sede dell'impianto e rinvigorendo le sue capacita riparative.

Cio', concludono gli esperti, ''ci permette di ridurre la possibilita di fallimenti e, nel caso della riparazione di lesioni della cartilagine articolare, di ridurre anche i costi e la tempistica del trattamento''.

Fonte: Ansa

src="http://pagead2.googlesyndication.com/pagead/show_ads.js">



omceo, ordine dei medici, palermo, toti amato, saggio, adelfio elio cardinale, franco la rosa, giuseppe amato pojero, vito fazio almayer, alberto jori, Presentato a Villa Magnisi il saggio che analizza il linguaggio utilizzato oggi nelle relazioni tra
Medici, letteratura e un 'caffè' di scienze umane. L'iniziativa dell'OMCEO di Palermo
Leggi l'articolo
Palermo, Villa sofia cervello, maurizio aricò, ambrogio orlando, crohn, reticolite ulcerosa, pietro greco, marco cottone, Grand Hotel delle Palme
Villa Sofia: malattie infiammatorie croniche intestinali. Convegno a Palermo oggi e domani
Leggi l'articolo
Bambino gesù, irccs, alfie evans, charlie gard, mariella enoc, Carta dei Diritti del Bambino Inguaribile, pediatria, vincenzo paglia, silvia costa, daniele de luca, alessandro nanni costa, nicola pirozzi, francesco ognibene, bruno dallapiccola, luigi zuca “ESISTONO BAMBINI INCURABILI?”: seminario organizzato dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Bambino Gesù: presentazione della “Carta dei Diritti del Bambino Inguaribile”
Leggi l'articolo
Giornata mondiale della tiroide, Villa Sofia Cervello, Palermo, Atta onlus, tumore, cancro, endocrinologia, oncologia, istituto superiore di sanità, marco Attard, salvatore ferrera, garofalo, gambino, giordano, gulotta, ianni, malizia, marino, muratori, s Nel ricordo di Marco Attard, endocrinologo dell'Ospedale Cervello, scomparso due anni fa
Settimana Mondiale della Tiroide: il 23 Maggio esperti a confronto all'ospedale Cervello
Leggi l'articolo






Evoluzione dell'anestesia negli ultimi 10 anni. Prof. Vito Peduto
siaarti, franco marinangeli 72° Congresso Nazionale SIAARTI 2018
SIAARTI: cosa è cambiato negli ultimi anni in tema di sicurezza. Prof. Franco Marinangeli









   Lunedì 17 giugno 2013