trauma cranico encefalico, neuroriabilitazione, cerebrolesione, pediatria, disabilità infantile, neuromotoria, neurologia, centro cardinal ferrari, gruppo santo stefano riabilitazione, sirn, società italiana di riabilitazione neurologica, disabilità neuro
Il trauma cranico encefalico in età evolutiva è la principale causa di morte e di grave disabilità

Neuroriabilitazione in età evolutiva: i traumi cranici la principale causa di disabilità infantile




Il Centro Cardinal Ferrari del Gruppo Santo Stefano Riabilitazione ospita il quarto corso nazionale della scuola superiore della Società Italiana di Riabilitazione Neurologica (SIRN): un confronto scientifico tra esperti provenienti da tutta Italia per affrontare i temi della riabilitazione in età evolutiva e promuovere una cultura avanzata e condivisa in tutti i membri del team riabilitativo


Fontanellato (PR), 28 Febbraio 2019

Molte delle patologie dell’età evolutiva sono conseguenti ad avvenimenti occorsi prima della nascita, durante il parto o nell’immediato post partum, in particolare per i prematuri. Ma esistono anche disabilità complesse conseguenti ad eventi traumatici come i traumi cranici encefalici (TCE), che rappresentano la principale causa di morte, disabilità infantile e di interruzione del processo di maturazione nel bambino.

Il trattamento riabilitativo per le cerebrolesioni in età evolutiva è il tema della seconda sessione del quarto corso nazionale promosso dalla scuola della Società Italiana di Riabilitazione Neurologica (SIRN) che si terrà sabato 2 e domenica 3 marzo al Centro Cardinal Ferrari del Gruppo Santo Stefano di Fontanellato (PR). Il centro opera nella riabilitazione delle gravi cerebrolesioni acquisite ed è dotato di un reparto dedicato alle gravi disabilità infantili.

Si tratta di un ambito complesso, quando parliamo di neuroriabilitazione infantile ci muoviamo in un campo delicato. Le varie fasi di sviluppo del bambino richiedono sempre scale di valutazione ed interventi riabilitativi in grado di seguire le tappe della crescita e l’evoluzione della patologia specifica che il bambino può aver sviluppato dalla nascita o aver acquisito nel tempo - spiega Donatella Saviola coordinatrice della sezione età evolutiva della SIRN -. Il lavoro che portiamo avanti con i corsi di neuroriabilitazione della Sirn ha proprio l’obiettivo di omogenizzare a livello nazionale i protocolli riabilitativi ed i percorsi di cura passando dalla condivisione delle esperienze e dal dibattito medico scientifico”.

Il corso annuale organizzato dalla Società Italiana di Riabilitazione Neurologica – afferma Antonio De Tanti direttore del Centro Cardinal Ferrari – vede il coinvolgimento di figure di spicco nel settore della neuroriabilitazione in età evolutiva. Professionisti ed esperti provenienti da diverse parti d’Italia, insieme per un confronto scientifico di alto livello, che alterna la teoria alla discussione di casi clinici, con lo scopo di individuare linee guida comuni nei percorsi riabilitativi. La riabilitazione dell’età evolutiva del Gruppo Santo Stefano offre percorsi terapeutici strutturati, gestiti da team specializzati in grado di garantire una presa in carico multidisciplinare. Si va dal trattamento di patologie come l’autismo alla riabilitazione motoria e cognitiva, attraverso progetti innovativi e supportati da: tecnologie (realtà virtuale e riabilitazione robotica), attività terapeutiche non tradizionali (terapia occupazionale) e setting diversi, anche in acqua, ad esempio, per sfruttare i benefici dell’idrochinesiterapia nel trattamento delle spasticità”.

Il primo appuntamento del corso tenutosi lo scorso febbraio e dedicato ad un’introduzione alla neuroriabilitazione in età evolutiva, è stata l’occasione per gli esperti per affrontare i temi legati allo sviluppo neurologico del bambino e alle grandi patologie disabilitanti dell’età evolutiva.

Tra i temi affrontati: le tappe evolutive del bambino, lo sviluppo psico motorio, le patologie neurologiche (paralisi cerebrali, malattie neuromuscolari, cerebrolesioni acquisite) ed i segnali di allarme, le cause, la diagnosi, le terapie oggi esistenti e i percorsi di cura possibili in età evolutiva.

Il confronto scientifico ha fatto emergere alcune riflessioni anche su temi di stretta attualità: l’incidenza dei traumi cranici nei piccoli da 0 a 3 anni, causati da incidenti o infortuni domestici; lo studio della correlazione tra infezioni virali (ad esempio varicella, herpes, infezioni del sistema nervoso centrale da virus influenzali) e l’insorgenza dello stroke pediatrico; il trend dei nati prematuri, oggi in forte aumento.

Il secondo week end formativo, che si terrà il 2 e 3 marzo, si focalizzerà sui disturbi specifici, sul trattamento riabilitativo, sugli ausili oggi presenti sul mercato, sulle nuove frontiere della neuroriabilitazione in età evolutiva e sulla presa in carico della famiglia con attenzione anche ai percorsi di inclusione scolastica.

 

Il reparto età evolutiva del Centro Cardinal Ferrari

Il Centro Cardinal Ferrari del Gruppo del Santo Stefano Riabilitazione specializzato nella cura delle gravi cerebrolesioni sia negli adulti che nei bambini, è dotato di un reparto dedicato ai pazienti in età evolutiva affetti da gravi disabilità neuromotorie.

Unico reparto di degenza con 12 posti letto che la Regione Emilia Romagna ha autorizzato per la riabilitazione di pazienti in età evolutiva. L’attuale attività del CCF nei percorsi dedicati ai bambini prevede la presa in carico multidisciplinare e multiprofessionale di menomazioni severe. Si tratta di paralisi cerebrali infantili, traumi cranici, disturbi da iperattività, malattie neuromuscolari e patologie a carattere ortopedico. Il team riabilitativo dedicato al bambino è costituito da più figure professionali che dialogano costantemente tra loro, con la famiglia e con i servizi socio-educativi. La presa in carico dei pazienti pediatrici presso il Centro avviene anche in regime di Day Hospital nel rispetto del principio per cui soprattutto nei pazienti più piccoli si deve cercare di evitare l’ospedalizzazione quando non strettamente necessaria.


Nella foto: Centro Cardinal Ferrari del Gruppo Santo Stefano Riabilitazione di Fontanellato (Parma)

src="http://pagead2.googlesyndication.com/pagead/show_ads.js">



SIN, neurologia, emergenza, urgenza, pronto soccorso, dea, trauma cranico, cefalea, emicrania, epilessia, psichiatria, anamnesi, vertigine, disturbi di coscienza, malattie cerebrovascolari acute, tac cerebrale, sistema nervoso, ischemia, emorragia cerebra Se ne parla al Congresso ANEU di Venezia dall’11 al 13 aprile
Gestione delle Emergenze-Urgenze: il ruolo del neurologo in Pronto Soccorso
Leggi l'articolo
ospedale di circolo, varese, centro trauma ad alta specializzazione, cts, risonanza magnetica, pronto soccorso, siat, 118, emergency room, terapia intensiva generale, neurorianimazione, sala angiografica, emodinamica, tc, urgenza, emergenza, elisuperficie Rappresenta, per tutto il territorio dell'Insubria, il riferimento principale per i traumi maggiori
L’Ospedale di Circolo riconosciuto Centro Trauma ad Alta Specializzazione
Leggi l'articolo
irccs, oasi di troina, enna, centro di neuroriabilitazione, silvio rotondo, luigi ferlauto, michelangelo condorelli Al via il completamento del nuovo Centro di Neuroriabilitazione
L'Oasi di Troina si rinnova per migliorare l’organizzazione e la funzionale ubicazione dei servizi
Leggi l'articolo
asp di trapani, risonanza magnetica cerebrale, pediatrica, sant'antonio abate, neonatologia, giovanni bavetta, rmn, neurologia, radiologia, stefano daidone, ignazio bacile, giuseppe perricone, antonio cacciapuoti, barbara mirto, haidi asgharnia All'ospedale Sant'Antonio Abate è stata eseguita una RMN cerebrale in un neonato prematuro
Prima risonanza magnetica cerebrale su un neonato in provincia di Trapani
Leggi l'articolo






0 video correlati









   Giovedì 28 febbraio 2019